Fare tutto con passione

Maria Teresa, una mia amica dentro e fuori Facebook (soprattutto fuori!!!) ha scritto (febbraio 2016) un post sulla sua bacheca, che vi ripropongo qui:

Quando sento la frase “con la cultura non si mangia” rimango sempre senza parole. Non è vero, ma anche se lo fosse, crediamo sul serio che un popolopossa migliorare e crescere senza cultura?

Per me il mondo della vita é quello dove fanno la comparsa l’arte, la letteratura, il teatro ed il cinema: in una parola sola la “cultura”, che poi è l’unico tratto che l’uomo si distingue dalla bestia.

Solo la cultura è ciò che permette all’uomo di migliorare.

E non c’è lavoro più prestigioso che possa arricchire quanto quello dell’arricchimento culturale di ognuno di noi.

Questo ci farebbe vivere in un mondo migliore, quello dove il denaro che è il mezzo, non può fare la differenza.

La differenza è essere colti.

Solo così si può essere ricchi.

Fare tutto con passione

Non potrei essere più d’accordo. Me lo sento dire molto spesso anche io: “col lavoro che fai non si diventa ricchi”. Io però lo faccio lo stesso. Sono testarda. Perché mi piace quello che faccio. Ci metto tanta passione. Proprio la stessa che avverto leggendo le parole di Maria Teresa. Lei scrive che la cultura è importante per arricchire l’uomo. E’ vero, molto. E bisogna farla, leggere, guardare, assistere, coinvolgersi in ogni modo possibile, secondo le proprie capacità. Il mio incontro (quasi) quotidiano con la cultura non è solo coi social, ma grazie ai social io sono più ricca dentro. Il mio incontro quotidiano (per lavoro e non) con la gente e con il mondo reale è sempre una bellissima esperienza. E’ seguendo gli spettacoli con la mia Canon che ho scoperto la passione per le foto. Che poi possono piacere o meno è tutto soggettivo. Gli scatti che faccio li faccio con passione, quando scrivo un pezzo lo scrivo con passione, quando corro e vado di fretta lo faccio con passione. Con la stessa passione che metto nelle cose personali, la stessa che provo per il mio luogo preferito di vacanze e che, ogni volta che ci torno, mi permette di rilassarmi appieno.

La passione porta al successo

La stessa passione che deve “travolgere” ognuno di noi in ogni cosa che si fa. La stessa che può aiutare a superare i momenti bui, quelli difficili, quelli in cui tutto sembra andare storto e niente per il verso giusto. La stessa che può alleviare la sofferenza dei periodi non facili, quelli in cui ci si mette pure la crisi a peggiorare tutto. Il successo c’è da qualche parte. Ma se non ci impegniamo in primis ad avere successo con noi stessi non potremo cambiare il mondo. La cultura e le passioni servono a questo: ad arricchirci, a farci crescere, a farci diventare più forti. Pronti ad affrontare le difficoltà, piccole o grandi che siano, facili o insormontabili. Pronti a non far venir meno la voglia di provare a farcela. Per dire “ci ho provato”. Per non lasciare nulla di intentato. Per avere coraggio. Per vivere!

Lo scrivevo un anno e qualche tempo fa… ora?

Questo è quello che scrivevo nel vecchio blog, ovvero nel blog della vecchia versione del sito. Lo ripropongo tout court (spero sia scritto bene, non ho molta dimestichezza con la lingua francese). Lo penso ancora, oggi più che mai. Amo scrivere, e si, come ha scritto Friedrich Von Schiller, “chi non osa non speri in nulla”.

Quanto questa frase significhi per me lo so io. E per ora lo tengo per me… Vi dico solo che ho tirato fuori dal cassetto il vecchio quaderno di appunti. E quelle orribili pagine word tutte bianche saranno riempite. Quante saranno? Non lo so. “Mai porre un limite alla creatività” mi ha detto una persona che ho intervistato qualche tempo fa. E io non me ne pongo, mai, nemmeno quando scatto, figuriamoci quando scrivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *